Otaku - Maid Cafè

Categoria: Il Giappone di oggi
Pubblicato Giovedì, 07 Febbraio 2013 10:21
Scritto da Gabriele
Visite: 4153

La città di Tokyo conta più di 160.000 ristoranti, una antica tradizione culturale e artistica per il cibo e una cultura popolare che mixa elementi di manga alla vita quotidiana.

 

Tra questi, è sicuramente particolare il Maid Café, oggi presente ovunque in Giappone.

La caratteristica di questi locali è che le pietanze sono servite ai tavoli in modo impeccabilmente educato da cameriere vestite da governanti francesi o inglesi del passato, con abiti ricchi di pizzi e trini.

Questo trend fa parte della subcultura dei Cosplay restaurant, diffusissimi in Giappone.
Nei maid café i clienti sono trattati con devozione e il massimo rispetto, come se fossero i signori di una dimora di nobili dell’800, e non meri clienti di un bar. 

Questi café erano in origine rivolti ad una clientela di otaku, persone con una passione ossessiva per tutto ciò che ruota attorno al mondo dei manga, delle anime e videogames (definita in Giapponese “moe”). La figura della governante è infatti da sempre mitizzata nei cartoni e fumetti giapponesi e di certo non manca di stuzzicare le fantasie dei fan del genere più sfegatati. C’è da sottolineare però che nei maid cafè non sono assolutamente tollerate proposte o atti sessuali di alcun tipo: i clienti vengono al massimo stuzzicati psicologicamente dalle cameriere con frasi incredibilmente gentili e cordiali (o magari imboccati con il cucchiaio come bambini!), ma i bar rimangono comunque posti adatti a donne e uomini di tutte le età, anche ai bambini.

 

 

Il primo Maid café permanente fu il Cure Maid Café, aperto nel marzo 2001ad Akihabara. Da allora la popolarità di questo genere di locale si è estesa esponenzialmente in tutto il Paese, fino ad espandersi anche in Cina, Sud Corea, Taiwan, Ungaria, USA, Francia e Messico!

Il menù dei maid cafè è molto semplice: tè, caffè e le solite bibite presenti in qualsiasi bar sono però accompagnati da una varietà di  dessert e omelette che vengono qui decorati con sciroppo o ketchup e dettagli kawaii. Le maid versano lo zucchero e la panna nel caffè e si offrono anche di mescolarlo. Quando i clienti entrano, vengono da loro salutate con un “Benvenuto a casa Signore (o Signora)” e vengono serviti menù e salviette per pulirsi le mani.

 

La divisa della maid è curata nei minimi dettagli! Un vestito colorato piuttosto corto (e sexy) con sottogonna di pizzo, candido grembiule sopra e cappellino bianco come si vedeva sulle cameriere francesi della Belle Epoque! A volte le ragazze portano anche orecchie di coniglietti ed altri animali kawaii.

 

 

Servizi quali massaggi, foto con le cameriere (fare foto nel locale è vietato), canti e danze hanno un prezzo aggiuntivo su quello a ore di permanenza nel locale.

tratto da http://www.japancoolture.com