Nengajō - Cartoline di capodanno

Categoria: Il Giappone di oggi
Pubblicato Lunedì, 31 Dicembre 2012 11:54
Scritto da Gabriele
Visite: 2666




La fine di dicembre e l'inizio di gennaio sono i periodi più impegnativi per gli uffici postali giapponesi. I giapponesi hanno l'abitudine di inviare cartoline d'auguri di buon anno (年贺状 nengajō?) ad amici e parenti, tradizione simile all'usanza occidentale di inviare cartoline per gli auguri di Natale. Il loro scopo originale era quello di contattare i parenti e gli amici lontani attraverso delle lettere, in modo da rassicurare loro riguardo la propria salute.
I giapponesi inviano queste cartoline in modo che arrivino ai rispettivi destinatari il 1° gennaio. L'ufficio postale garantisce di consegnare le cartoline d'auguri il 1° gennaio se queste vengono inviate entro un limite di tempo stabilito, di solito da metà dicembre fino alla fine del mese e se queste vengono contrassegnate con la parola nengajō. Per far sì che la consegna avvenga in tempo, l'ufficio postale assume solitamente degli studenti part-time per contribuire a consegnare i biglietti.
È consuetudine ed educazione non inviare queste cartoline a chi ha avuto un lutto in famiglia durante l'anno. In questo caso, un membro della famiglia invia una cartolina semplice chiamata mochū hagaki (丧 中叶 书? cartolina da lutto) per informare amici e parenti di non inviare biglietti d'auguri per il nuovo anno, in segno di rispetto per i defunti.
Le nengajō più comuni sono prestampate e riportano il disegno del segno dello zodiaco cinese corrispondente al nuovo anno. Lo zodiaco cinese ha un ciclo di dodici anni, in cui si alternano ordinatamente i seguenti animali: topo, bue, tigre, coniglio, drago, serpente, cavallo, pecora, scimmia, gallo, cane e cinghiale. Personaggi famosi di forma animale come Snoopy (nel 2006) o Topolino e Minnie (nel 2008) sono stati i protagonisti degli anni corrispondenti nello zodiaco.
L'indirizzo è generalmente scritto a mano, ed è una buona occasione per mostrare le proprie abilità nell'arte di scrittura (la cosiddetta shodō). Le cartoline sono provviste di solito di appositi spazi per scrivere messaggi personalizzati o disegni particolari. Stampi e timbri raffiguranti l'animale annuale sono in vendita presso i grandi magazzini, con la possibilità di comperare i tipici pennelli a inchiostro cinesi per personalizzare gli auguri. Uno speciale software permette anche di creare i propri disegni e visualizzarli sul proprio computer prima di stamparli sulla cartolina. Per le persone popolari, che hanno bisogno di spedire numerosi biglietti d'auguri, è possibile utilizzare speciali biglietti già provvisti di brevi auguri in modo che essi debbano solamente apporre il proprio indirizzo. Nonostante la popolarità crescente delle e-mail, la nengajo rimane uno degli strumenti più popolari per augurare buon anno in Giappone